Psicomotricità. Modelli pedagogici e metodologie di intervento (a.a. 2016/17)
(Psicomotricità 1617)

V edizione - Anno Accademico 2016/2017

Direttore scientifico: Lucio d'Alessandro
Comitato scientifico: Nadia Carlomagno, Enricomaria Corbi, Antonella Gritti, Margherita Musello, Daniela Paparella, Fernando Sarracino, Fabrizio Manuel Sirignano, Natascia Villani
Coordinamento didattico-scientifico: Nadia Carlomagno, Fabrizio Manuel Sirignano

Il Corso, sulla base delle consolidate esperienze delle precedenti edizioni, si pone l'obiettivo di formare un Esperto nella progettazione e nell'intervento nel campo della Psicomotricità educativa e preventiva, che sia in grado di operare in ambito scolastico, extrascolastico, territoriale e sociale.

Il Corso quindi mira a far acquisire elevate competenze formative per una psicomotricità integrata nei contesti socio-educativi, conoscenze in merito ai i fondamenti e alle linee evolutive della psicomotricità educativa e preventiva, alle tappe e alle patologie dello sviluppo psicomotorio dei bambini; competenze in merito alle diverse visioni del corpo presso altre culture, anche in riferimento ai processi di immigrazione e in base alle differenze culturali e di genere, conoscenze delle forme di gioco spontaneo dei bambini nelle diverse età e dei loro significati in termini di formazione dell'identità corporea.

Il percorso mira altresì a sviluppare capacità di ascolto corporeo e di aggiustamento tonico-emotivo, facendo acquisire consapevolezza dell'incisività delle proprie memorie corporee sugli stili comunicativi non verbali, maturare capacità di osservazione dell'espressività corporea di bambine e bambini, con particolare riguardo a quelli con difficoltà nel processo di sviluppo; il percorso formativo mira, infine, a far acquisire competenze nella conduzione dei gruppi e nella gestione dei conflitti, capacità di lavoro in équipe e di rete sul territorio.